Nessuno può sentirsi sicuro di vincere, al momento di partire. Non si può star certi nemmeno di arrivare fino in fondo. La maratona è l'unica gara che si può perdere anche correndo da soli.

Perle di saggezza

Se vuoi correre, corri un miglio. Se vuoi conoscere una nuova
vita, corri la Maratona!


Emil Zatopek (citazione segnalatami da Giovanni Chessa)

Me medesimo in numeri

213 MARATONE corse



PB 2:36'28'' 08.10.2000 GoldMarathon Cesano Boscone (MI)







un centinaio di MEZZE corse



PB 1:13'09'' 01.10.2000 Udine







cinque 6 ORE




PB 73,096 km (Buttrio 2014)







cinque 100 km (4 Passatore)



PB 8:51'28'' giugno 2005 in pista Fagagna (UD)



PB Passatore 9:09' 2004 Firenze-Faenza







una 12 ORE



PB 119,571 km
31-08-2014 Passons (UD)







3000



PB 9'39'' San Vito al Tagliamento (PN)







5000



PB 16'27''







10000



PB 35' 36''







3 VOLTE IRONMAN FINISHER






lunedì 27 settembre 2010

Berlin Marathon

L'analisi di questa mia 166^ maratona va suddivisa in due parti distinte ma allo stesso tempo concatenantesi: aspetto emozionale e aspetto prettamente atletico.
La Berlin Marathon è diventato per me un appuntamento immancabile a fine settembre: sono stato presente 4 volte negli ultimi 6 anni. Questa mia fedeltà è giustificata da una organizzazione semplicemente PERFETTA in tutti gli aspetti, per quella che è la mia esperienza non ha pari nel mondo. La presenza e il calore del pubblico ti fanno sentire protagonista lungo tutto il percorso anche in una giornata fredda e nuvolosa come quella di ieri; l'ultimo km tra due ali di folla, la Porta di Brandeburgo là di fronte ti fanno dimenticare la fatica che hai sopportato nei precedenti 41 km, sotto la TOR ti senti di essere vicino a coronare un sogno, un sogno che è poco rispetto a quello che milioni di tedeschi anelavano qualche decennio fa: passare al di là. La nostra ambizione è solo sportiva, la loro era di libertà, ora a Berlino quella differenza e convivenza di due mondi non si vede più. C'è una città tra le più vitali al mondo che ti avvolge, una rete di trasporti che stupisce.
Le condizioni meteo non si presentano bene, giungo sabato pomeriggio e mi reco direttamente all'Expo poco prima della chiusura, il viaggio lungo gli stands è gradevole, una maglia ricordo è d'obbligo. Girare fra gli organizzatori che promuovono le varie manifestazioni in giro per il mondo è come un viaggio della fantasia...un momento in cui è concesso alla mente di sognare tanto poi qualcuno di questi sogni si trasformerà in realtà.
Cena con il solito carico di carboidraiti in Postdamer Platz e poi dritti a dormire alla ricerca di quel riposo che sarà saluatare l'indomani.
Raggiungere la zona di partenza è estremamente semplice; nella stazione di Hauptbahnhof convergono podisti da tutta la città, una moltitudine di atleti che hanno le aspirazioni cronometriche più svariate ma un unico obiettivo: concludere la Maratona possibilmente sorridendo.
La fiumana scorrere, le scale mobili sono intasate, fuori dalla stazione ci si allarga per poi convergere sull'unico passaggio pedonale che garantisce il passaggio sopra il canale che attraversa la città. Pochi metri e l'accesso nella "zona protetta" segna il vero inizio dell'avventura.
Organizzazione inflessibile, si passa solo mostrando il pettorale. Piove, il tempo a disposizione non è tantissimo ma i servizi sono così benorganizzati che si sta poco a svestirsi e depositare il bagaglio. L'incanalamento verso i propri settori è ordinato e solo all'ultimo momento forse approfittando del clima avverso noto qualche flessione nell'organizzazione e qualcuno osa scavalcare. L'attesa dello start fa salire la tensione, aspettative e timori prendono corpo, sale la frequenza cardiaca, sale la temperatura nonostante continui a piovigginare, nella mia testa continua a girare il mantra che recita: PARTENZA PRUDENTE, TIRARE IL FRENO.
Il colpo di pistola ci libera, un amplissimo rettilineo permette un deflusso veloce ma nonostante ciò gli ultimi tra i 40 mila partecipanti possono transitare sotto la partenza solo oltre 20 minuti.
Per fortuna che in questi casi quel che conta è il tempo netto.
Nei primi km mi superano in centinaia, io seguo il mio mantra e cerco di rimanere concentrato sul ritmo; mi guardo attorno cercando di riconoscere qualche amico che mi passa e in effetti noto alcuni del Cus Udine, un compagno di squadra del Buja, tanti altri italiani.
Sul lato sinistro scorgo la sagoma della triestina Lorena Giurissa che più volte ho accompagnato in gara, un veloce saluto e la lascio andare verso quella che sarà per lei una gran gara.
Ad ogni ristoro bevo (nonostante il clima non lo richieda), prendo la mia pastiglietta di Enervit GT, controllo lo split.
I primi 5 km vanno in 22.01; dal 6 al 10 impiego 22.02, la media è do 4'25'' qualche secondo meno di quanto mi ero ripromesso in partenza ma sto spendendo il minimo. Intorno al 15° km raggiungo un ragazzo che corre con una protesi, è straordinario vederlo procedere a 4'25'' al km con una tale naturalezza anche se la natura gli ha tolto qualcosa. Mi affianco e con lui procederò per diversi km. Split al 15° km che mi evidenzia un leggerissimo incremento (9 secondi) che mi ripropongo di recuperare prima del transito alla mezza.
Sono numerosi i gruppi musicali che ai margini della strada ci fanno festa ed ancora più numerosi gli appassionati che incitano e spesso lo fanno citando il mio nome impresso sulla maglietta con i coloro della bandiera italiana.
Passo alla mezza in 1:33'06''. Nonostante mi sia limitato comincio a pensare che sarà un'impresa riuscire a tenere questo ritmo fino alla fine. Aver pedalato nell'ultima settimana per oltre 300 km mi ha lasciato qualche tossina ma è stata una scelta per cui provo a dimenticare tutto e continuo a recitare il mio mantra. Mantenere la calma e tirare il freno.
Mi guardo attorno, ora sono ormai pochissimi quelli mi superano, inizia invece lo stillicidio di quelli che riprendo, al km 25 lo split è di 22'10''.
Inizia la parte del percorso che ricordo molto bene in quanto sempre nelle precedenti occasioni ho dato il meglio di me, nei 5 km successivi infatti incremento, pochissimo ma tanto da provare la sensazione della fatica, della spinta nelle cosce, nei polpacci. Questo determina lo sprigionarsi di energie positive anche perchè in questo modo gli amici che supero sono numerosissimi, l'adrenalina monta ma d'altro canto anche la consapevolezza che il traguardo è lontano.
Al km 30 lo split segna 21'55''. Mi dico di avere ancora un po' di pazienza, tirare ma non strafare. Mi sforzo di guardarmi attorno, di vivere il pubblico, rispondo a qualche incitamento, dò il cinque a qualche bambino, sorrido quanto posso. Faccio conti, basta continuare così e lo split negativo (seconda parte più veloce della prima per i non addetti ai lavori) è a portata di mano.
A questo punto - chissà perchè - mi ritorna in mente la definizione di "MEDIOCRE TRIATHLETA" che qualcuno mi ha attribuito e diventa carica di energia. Fermo il crono al 35° km, split 21'50''. Mancano ormai solo 7 km, 7 miseri km che corrispondono a meno di 5 giri del mio allenamento al parco.
Ora posso andare, sento le gambe vogliose, le assecondo...in barba alla mediocrità azzardo un bell'incremento e ricordando il buon Simone Grassi che aveva previsto che sarei stato caldo a questo punto mi lancio. Sono molto concentrato, confesso di essermi estraniato e non aver conservato grandi immagini, ci ho dato veramente dentro. Split al 40° in 21'32''.
Faccio un po' di conti, il risultato è ormai raggiunto, voglio esagerare; mal che vada scoppio all'ultimo km e mi farò una passeggiata trionfale, altrimenti sarà una ciambella proprio con il buco.
Sono gli ultimi 2 km e 195 che segnano il momento più alto della mia vitalità in Maratona nell'anno in corso, sono euforico, mi sento chiamare ma non c'è tempo per rispondere, non bisogna perdere neppure un secondo. transito sotto la Brandeburgh Tor, volgo lo sguardo al cielo e poi in avanti alla ricerca del cartello 42 e poi della scritta ZIEL. E' ancora lontana ma sono 200 m di gloria, di gloria già vissuta qui a Berlino ma che sono certo rivivrò anche il prossimo anno.
Vedo il crono, scorrono i secondi, hanno fretta ma io corro più di loro. Stanno per scattare le 3:05' (si tratta del tempo dallo sparo, io sono transitato 10'' dopo) è una lotta tra me e lui, il cronometro, spremo tutto e mi sa che arriviamo pari.
Lo split finale per gli ultimi 2.195 metri segna 9'12'' , 4'12'' di media. Esaltante.
Il risultato ufficiale è :
3:04'50''
Sono orgoglioso di questa mia gara e se in questo racconto ho peccato di presunzione "i miei lettori" me lo perdoneranno, è quello che succede di solito a chi pensa di aver fatto un buon lavoro.
  • km 5 22'01''
  • km 10 22'02''
  • km 15 21'53''
  • km 20 22'15''
  • km 25 22'10''
  • km 30 21'55''
  • km 35 21'50''
  • km 40 21'32''
  • km 42,195 9'12''
Dopo l'arrivo la medaglia e le foto con gli amici udinesi sono il miglior premio in attesa di quegli altri compagni di viaggio che con ritmi diversi coronano anche loro il proprio sogno magari realizzando anche il PB.

14 commenti:

insane ha detto...

Complimenti!
Gran tempo!
Primo o poi voglio tagliare quèl traguardo..

antherun ha detto...

deve essere stata una bellissima emozione...complimenti Antonio!

Andreadicorsa ha detto...

Grande Antonio, mi hai coinvolto emotivamente con il tuo bel racconto.
io berlino l'ho fatta una sola volta nel 2008 ma ho un otimo ricordo,sia per il PB che per l'ottima organizzazione e il coinvolgimento del pubblico. Nulla da invidiare a NY!
Spero di esserci di nuovo l'anno prossimo! Ho visto che il 10/10 sarai a Monaco, prima o poi dovrai fare anche la LGM che è lo stesso giorno (credo non tu non l'abbia mai corsa) sono convinto che ti piacerebbe.
A presto e goooooood runnnnn

arirun ha detto...

L'unica cosa mediocre è la faccia di wanjiru sulla medaglia spero la facciano un po' più bella questaltr' anno...300km in bici + 42km a piedi eh beh Cona ti aspetta!!

Paolo "Cibulo" ha detto...

Questi resoconti di grandi maratone si leggono sempre volentieri.
Bravo Antonio!

actionman ha detto...

bravissimo resoconto veramente preciso e sopt.grande lucidità di gara.Mi piacerebbe sapere chi ti ha detto "mediocre triatleta"forse uno che non capisce granchè di come noi normali affrontiamo le nostre avventure sportive.Un salutone da Ferrara
Andrea

Rupikaber ha detto...

Uno dei migliori reportage di corsa! E complimenti per la tua nuova "stella" che si aggiunge alla già nutrita collezione.

Filippo ha detto...

A parte la gestione della gara, non certo mediocre :-) mi colpisce l'emozione che traspira dal racconto nonostante il numero delle tue maratone, complimenti!

margantonio ha detto...

Impossibile non emozionarsi in contesti quali Berlino, la Maratona sarà per sempre una scoperta per me perchè ho imparato che ognuna è una nuova avventura la cui conclusione è incerta fino al superamento del traguardo. A Monaco l'arrivo nell'Olimpiastadion sarà nuovamente un brivido

mjaVale ha detto...

.. un nuovo brivido che, da affezionati lettori aspettiamo di leggere!
Complimenti Antonio, non credo la tua sia presunzione ma solo la condivisione delle buone sensazioni e della convinzione di aver fatto "del proprio meglio".

Master Runners ha detto...

E' stata una gara emozionante!
Complimenti per il racconto e per la gara!

doublea ha detto...

Nonostante l'ennesima maratona, nel tuo racconto si sentono e si respirano emozioni originali, vere, mai le stesse. Che dire di più?
agnese

Giancarlo ha detto...

Bel racconto come sempre, maratona vissuta da lontano così grazie a te. Complimenti, grande gestione della gara e bella dimostrazione di preparazione e di forza.

Alvin ha detto...

166 e non sentirle, il solito antonio, cuore, cuore , cuore, ci metterei2 o 3 firme adesso per fare il tuo tempo a Venezia...sperem!!