Nessuno può sentirsi sicuro di vincere, al momento di partire. Non si può star certi nemmeno di arrivare fino in fondo. La maratona è l'unica gara che si può perdere anche correndo da soli.

Perle di saggezza

Se vuoi correre, corri un miglio. Se vuoi conoscere una nuova
vita, corri la Maratona!


Emil Zatopek (citazione segnalatami da Giovanni Chessa)

Me medesimo in numeri

213 MARATONE corse



PB 2:36'28'' 08.10.2000 GoldMarathon Cesano Boscone (MI)







un centinaio di MEZZE corse



PB 1:13'09'' 01.10.2000 Udine







cinque 6 ORE




PB 73,096 km (Buttrio 2014)







cinque 100 km (4 Passatore)



PB 8:51'28'' giugno 2005 in pista Fagagna (UD)



PB Passatore 9:09' 2004 Firenze-Faenza







una 12 ORE



PB 119,571 km
31-08-2014 Passons (UD)







3000



PB 9'39'' San Vito al Tagliamento (PN)







5000



PB 16'27''







10000



PB 35' 36''







3 VOLTE IRONMAN FINISHER






giovedì 5 febbraio 2009

Maratona di Verona e progressivo

Mancano ormai solo due giorni al mio secondo impegno del 2009 sulla distanza della Maratona, sarà un'esperienza diversa, di solito nella più classica distanza della corsa si parte con tanti interrogativi, il più importante dei quali è: si riuscirà ad arrivare? e in quanto tempo?
In questo caso avendo preso l'impegno di fare il pace-maker delle 3 ore il ritmo da tenere è invece un punto esclamativo: 4'16'' al km!!! o meglio 21'20'' ogni 5 km!!!
Al lato l'arrivo alla maratona di Treviso con palloncino rosso al seguito e la fortissima atleta pisana Elena Jaccheri al fianco.
L'interrogativo di base rimane sempre, concludere è sempre un'impresa; aumenta in qualche modo il carico di responsabilità, come già in tante altre occasioni è accaduto ci saranno tanti amici che si metteranno alle nostre spalle e riporranno fiducia nel nostro passo.
Parlo al plurale perchè dovremo essere in tre a caricarci di scandire il ritmo: uno degli amici non so come si chiami, il secondo è un podista udinese Marco Grimaz con il quale tante volte abbiamo diviso allenamenti e sprazzi di gara. Ora come ora lui è senz'altro più forte di me anche se è alla sua prima esperienza da pace-maker.

Ci accompagnerà in questa trasferta Denis Del Bianco altro fortissimo atleta udinese che dopo aver raccolto tanti bei risultati nel podismo ora si dedica prevalentemente al Triathlon con altrettanti lusinghieri riscontri. (Nella foto sopra Del Bianco, Margiotta, Grimaz ad una Maratona di Venezia di qualche anno fa)
Verona mi vedrà per la terza volta pronto ad affrontare 42,195 km di corsa:
  • 5-10-2003 2:43'27'' ottavo assoluto
  • 31-10-2004 2:53'40''

Ora quei ritmi, specie quello del 2003, è inimmaginabile ma l'emozione non sarà minore e tagliare il traguardo, speriamo seguito da tanti amici, sarà comunque esaltante.

Intanto oggi pochi km di rifinitura con un bel progressivo. Quanto è bello vedere questi gradini che degradano quando i tempi del proprio Garmin diventano diagramma; le sensazionisono veramente buone speriamo che le condizioni meteo siano discrete.

4 commenti:

Fatdaddy ha detto...

Troppo veloce, ricerco pacer da 3:45' ;)
Sicuramente ti seguo, a congrua distanza! ;)
Speriamo nel tempo, che finora qui continua a piovere...

uscuru ha detto...

bei ricordi Marga, e' vero pero', ogni maratona ha la sua storia.

uscuru ha detto...

ma ja dai ogni tanto n'okkiata al mio blog?
anke il tuo parere e' ben accetto.

antherun ha detto...

con l'esperienza che ti ritrovi e bello che la metta a disposizione degli altri podisti! Sicuramente dai molta fiducia a chi ti seguirà in bocca al lupo!!!