Nessuno può sentirsi sicuro di vincere, al momento di partire. Non si può star certi nemmeno di arrivare fino in fondo. La maratona è l'unica gara che si può perdere anche correndo da soli.

Perle di saggezza

Se vuoi correre, corri un miglio. Se vuoi conoscere una nuova
vita, corri la Maratona!


Emil Zatopek (citazione segnalatami da Giovanni Chessa)

Me medesimo in numeri

213 MARATONE corse



PB 2:36'28'' 08.10.2000 GoldMarathon Cesano Boscone (MI)







un centinaio di MEZZE corse



PB 1:13'09'' 01.10.2000 Udine







cinque 6 ORE




PB 73,096 km (Buttrio 2014)







cinque 100 km (4 Passatore)



PB 8:51'28'' giugno 2005 in pista Fagagna (UD)



PB Passatore 9:09' 2004 Firenze-Faenza







una 12 ORE



PB 119,571 km
31-08-2014 Passons (UD)







3000



PB 9'39'' San Vito al Tagliamento (PN)







5000



PB 16'27''







10000



PB 35' 36''







3 VOLTE IRONMAN FINISHER






lunedì 10 settembre 2012

PB inatteso alla 6 ORE di BUTTRIO

La gara che non ti aspetti. La tranquillità di non dover chiedere nulla a se stessi, di non aspettarsi nulla se non di portare a termine e raggiungere la finish line (che in questo caso erano le 6 ore di tempo) porta in qualche caso a risultati migliori rispetto ad un appuntamento finalizzato.
Mi ero posto un obiettivo minimo (60 km) ed uno più azzardato (correre per tutte le 6 ore). Raggiunti appieno entrambi ma naturalmente sono contentissimo soprattutto per il secondo; erano 6 anni che non affrontavo una Ultra e anche in quel caso non avevo corso ininterrottamente...non ho mai corso una ultra ininterrottamente a ben pensarci.
Le prime due ore sono trascorse abbastanza tranquillamente a buon ritmo (qualche secondo sotto i 5' al km) sfruttando anche la compagnia di due compagni di viaggio, scambiando anche qualche parola. Naturalmente non avevo ambizioni di classifica però impossibile non ascoltare lo speaker che continuamente annunciava la classifica provvisoria con le proiezioni finali. Mi davano in 5^ posizione.
Man mano qualcuno lì davanti ha cominciato a cedere...Mirco Recchi procedeva come da par suo, con un ritmo regolare che conosco da anni ed ammiro. Io ho pensato solo ad andare regolare fino al passaggio della Maratona (transitato intorno alle 3:23). Mentalmente ho avuto un leggero cedimento e sono partiti i calcoli...se tengo questo ritmo... se cammino per tot km...se alterno.
Lo speaker intanto mi annunciava in 3^ posizione, perchè non provare a mantenerla?
In tutto questo neppure una sosta, bere regolarmente ma senza fermarsi, qualcosa di solido o gel ma sempre continuando a correre.
Il ritmo scende ma la voglia di correre resta...percepisco che matura un buon risultato, gli incitamenti degli amici ai bordi del tracciato mi trascinano. Mi bagno regolarmente.
Alle mie spalle (che sono ormai al secondo posto con buon margine su sergio Ruzzier e Giacomino Barbacetto) "lottano" per il terzo posto sul podio quindi son certo che non si arrenderanno.
Il picco "di lentezza" lo raggiungo intorno al 70° km ma nel finale mi riprendo alla grande e quando la testa mi dice di provare a spingere mi ritrovo di nuovo efficiente e termino con un gran finale.
La classifica ufficiale mi dà secondo con
71608 m
ad un ritmo quindi di 5'02'' al km.
E' un risultato che considero eccezionale per i miei mezzi e per come ho impostato l'allenamento sulla corsa quest'anno.





Questa sorpresa determinerà qualcosa nell'organizzazione della mia vita sportiva...chi lo sa!!! 

14 commenti:

Paolo Maggio ha detto...

Grande Antonio! Anche se commento poco seguo sempre le tue avventure! Hai un'endurance come pochi!!! E non solo di fisico!
Eh eh, se ripenso che io ho fatto 800 metri e tu 71608... :D
L'atletica è veramente straordinaria. Ed ancor di più il nostro fisico che si adatta ad ogni tipo di sforzo!
Siamo nati per correre...c'è poco da dire!

theyogi ha detto...

clap clap... eccezionale è dir poco quando si va oltre i propri limiti!

MauroB2R ha detto...

impressionante a dir poco. che altro dire? complimentoni!!!
ps: mi fai paura!

Hal78 ha detto...

Prestazione monstre.
Bravo, bravo, bravo.

Guzzo ha detto...

Pazzesco... IMMENSO!!!
ps just for info.. con che scarpe si corre un 60km??? Normali A3 o anche A2?

nino ha detto...

non posso che unirmi al coro: complimentoni

Antonio ha detto...

Ho corso con A2 Saucony.
Antonio

stoppre ha detto...

complimenti...ritorna la voglia delle 100 km.......

lello ha detto...

complimenti

Anonimo ha detto...

...anche a me hai fatto paura, pensavo che piano piano ti avvicinavi e mi superavi. Meno male che sono stato in grado di controllarti e gestire il mio ritmo in maniera che ciò non avvenisse...complimenti per i tuoi 71 km che non sono affatto pochi anche in considerazione del fatto che, a differenza mia che dedico tutto il tempo alla corsa, tu fai tanto altro (bici e nuoto) ed è per questo che ti ammiro la tua tenacia e determinazione. Spero in un tuo ritorno alle "ultra" in maniera tale da ricevere le soddisfazioni che ti meriti. Sei un grande, ammirevole e vero sportivo. Ci si vede in giro campione.....di nuovo in bocca al lupo, a presto.


Anonimo ha detto...

scusa, ho dimenticato di scriverti che sono Mirco Recchi...

Rupikaber ha detto...

Grandissimo!

margantonio ha detto...

Mirco non ho avuto in alcun momento l'idea di "puntarti" non sono un folle e quindi riconosco i valori in campo. Ancora per il prossimo starò con i piedi in entrambe le scarpe (running e triathlon) anche se in modo diverso selezionando bene le partecipazioni alle gare...solo endurance

margantonio ha detto...

Rupikaber molto felice di rivederti sul mio blog