Nessuno può sentirsi sicuro di vincere, al momento di partire. Non si può star certi nemmeno di arrivare fino in fondo. La maratona è l'unica gara che si può perdere anche correndo da soli.

Perle di saggezza

Se vuoi correre, corri un miglio. Se vuoi conoscere una nuova
vita, corri la Maratona!


Emil Zatopek (citazione segnalatami da Giovanni Chessa)

Me medesimo in numeri

213 MARATONE corse



PB 2:36'28'' 08.10.2000 GoldMarathon Cesano Boscone (MI)







un centinaio di MEZZE corse



PB 1:13'09'' 01.10.2000 Udine







cinque 6 ORE




PB 73,096 km (Buttrio 2014)







cinque 100 km (4 Passatore)



PB 8:51'28'' giugno 2005 in pista Fagagna (UD)



PB Passatore 9:09' 2004 Firenze-Faenza







una 12 ORE



PB 119,571 km
31-08-2014 Passons (UD)







3000



PB 9'39'' San Vito al Tagliamento (PN)







5000



PB 16'27''







10000



PB 35' 36''







3 VOLTE IRONMAN FINISHER






lunedì 2 luglio 2012

IRONMAN AUSTRIA 2012

Sono IRONMAN FINISHER per la seconda volta.
La gara di ieri è il momento finale di un percorso durato sei mesi che riassumerò in un prossimo post.
Il destino ha voluto che le condizioni meteo fossero al limite in questo weekend, temperatura altissima, 35-36 gradi durante la Maratona, e, ciliegina sulla torta, anche l'acqua del lago talmente calda che a termine di regolamento ha impedito l'uso della muta.

Venerdì sera al ritrovo con gli amici dopo aver ritirato il pacco gara con tutte le istruzioni si vociferava di un rischio "MUTA VIETATA" a causa dell'alta temperatura. Un rischio che molti, più per scaramanzia che per altro, pensavano irreale.
A colazione sabato mattina un amico triathleta ci comunica che l'organizzazione aveva ufficializzato su Facebook la decisione che avremmo nuotato senza muta.
Giornata rovinata.
Ho cercato di rimanere tranquillo.
Ero certo dei miei mezzi, del lavoro svolto nei sei mesi precedenti ma ora dopo l'inevitabile handicap del caldo che avrebbe condizionato la mia corsa anche il nuoto ne sarebbe stato intaccato...e molto decisamente.
Oltre a questo elemento anche la preoccupazione di avventurarmi nel lago correndo anche grossi rischi per la mia incolumità, ne abbiamo discusso anche con l'amico Andrea ma naturalmente le nostre preoccupazioni sono rimaste tali senza sortire cambiamenti di rotta.
Notte insonne sabato, mai mi era capitato in tanti anni, neppure un minuto di sonno.
Domenica mattina sono evidentemente concentrato e allo stesso tempo preoccupato. Cerco di stemperare suddividendo mentalmente il tracciato in tante frazioni, strategia che si rivelerà poi vincente. Bisogna uscire dal lago incolumi, dopo sarà tutta discesa da godersi e comunque una inesorabile risalita di posizioni.
Nuoto molto tranquillamente tenendomi lontano dalla folla, cerco di scivolare e spendere il meno possibile. Per fortuna tutto fila liscio, neppure un attacco di panico. Durante "il ritorno" non vedo assolutamente nulla, nuoto "al buio" seguendo qualche compagno e fidandomi delle sue scelte; finalmente sono nel canale.
Mi sembra di aver nuotato discretamente e di aver anche riconquistato qualche posizione nel finale.
Esco dall'acqua, guardo il cronometro: 2:01'. Accidenti che schifezza!!!!
Poco male, il pericolo è scampato.
Parto in bici su un percorso che ormai conosco e cerco di interpretare al meglio delle mie possibilità.
Essendo partito in fondo al gruppo inizio un'interminabile serie di sorpassi. Pedalo bene, sono sciolto ed anche i saliscendi li affronto aggressivo. La prima salita di 500 m la bevo come se niente fosse, pedalo a velocità doppia dei miei "vicini". Nei falsopiani in discesa che seguono spingo al massimo senza nessuna sosta.
Giunge finalmente la Rupertiberg.
So che in cima troverò i compagni di squadra. Anche qui salgo aggressivo e quando scorgo Denis e company è una iniezione di energia. Pedalo e sorrido, sento di tutto pronunciato da quelle labbra. Sfrutto anche questa occasione per ringraziare tutti, Fabio, Elena, Dav, Federica, Roberto, Michele, Gian, Silvia, Michele, Max (sicuramente avrò dimenticato qualcuno).
Il ringraziamento più grande va sicuramente a Denis che ha saputo trovare l'equilibrio per stimolarmi senza voler modificare le mie inclinazioni. Denis incontenibile come al solito incita tutti lassù in cima ed ogni sua parola è adrenalina che va subito in vena seguita da quella di Fabio Santini.
Saliscendi fino al giro di boa dei 90 km con una media decisamente migliore dello scorso anno.
Nel secondo giro il caldo è aumentato, era inevitabile. Il mio ritmo non cala di molto ma la pedalata non è scorrevole come in principio. Altra salita al Ruperti ed altra adrenalina che mi porto fino alla zona cambio.
Tempo della bici 5:34, 7 minuti meglio dello scorso anno che non sono niente male.
Siamo ormai oltre le 14, fa un caldo bestia e tocca iniziare una maratona infinita.
Non penso neanche più al tempo finale. Parto tranquillo ed inizio subito a bere e tenermi bagnato.
Ci sono tanti volontari e persone comuni che mettono a disposizione acquua corrente, ci spruzzano addosso. Li ringrazio veramente tutti, senza di loro forse la mia/nostra maratona non sarebbe stata possibile.
Il ritmo cala già dopo pochi km, penso che nella seconda parte alternerò corsa con cammino.
Intanto i km scorrono, lenti ma scorrono. Tanti incitamenti e quando vedo un volto amico mi rincuoro.
Intuisco che la mia "piccola impresa" è anche loro merito e va dedicata anche a loro quindi non posso esimermi da stringere i denti.
Le gambe sono veramente stanche, dopo la mezza inizio ad alternare, perderò sicuramente dei minuti preziosi ma è una strategia che si rivela vincente. Vedo intorno a me amici che sono nelle mie condizioni se non peggiori. Monica cammina ma so che è tenace e sicuramente si riprenderà anche se ha la testa china, mi affianca Denis Battistella che però è in buone condizioni e se ne va alla conquista del suo traguardo.
Quando mancano 8 km mi rendo conto che è possibile l'obbiettivo di arrivare sotto le 12 ore. Spendo le mie energie per questo fine e riesco nell'obiettivo con un finale decente.
Mi godo il rettilineo finale riuscendo anche a salire sul podio dell'arrivo sorridente. Medaglia e coroncina sanciscono che per la seconda volta ho portato a casa un IRONMAN e questa volta è stato in condizioni quasi estreme.
Tempo finale della Maratona 4:04, buono in questa giornata.
Tempo finale complessivo 11:50:40


  1. Nuoto   2:01:40
  2. T1              6:26
  3. Bici      5:34:06
  4. T2              4:16
  5. Corsa   4:04:09
Dal nuoto al finale ho rimontato 1400 posizioni circa...prendiamo il bicchiere mezzo pieno.








Tanti complimenti ai miei 5 compagni di squadra tutti finisher, quattro dei quali esordienti.

Nei prossimi giorni mi propongo di mettere qualche altra riflessione

18 commenti:

monica ha detto...

1400 posizioni!!! Wow! Bravo il mio margantinioironman. Mokina

Simone ha detto...

Quando il caldo è cosi forte è sempre un terno all'otto capire di quanto si sarà costretti a rallentare, aggiungendo poi un cambiamento cosi evidente come quello della muta, c'erano tutti gli elementi per una giornata molto difficile.
Quindi bravo a maggior ragione nello stare tranquillo e fare diligentemente quello che sapevi fare, cioè non mollare :)

grande Anto!
ps: e grazie per tenere alta la mia voglia di realizzare un sogno forse impossibile ma forse no, chi lo sa, fare un Ironman a mia volta

Guzzo ha detto...

Grande impresa... senza muta è realmente il delirio triatletico!!!
Ottima anche il crono in bike e, 4 ore di mara con caldo e stanchezza è comunque un ottimo risultato!
Ora goditi la medaglia, YOU ARE AN IRONMAN!!!

theyogi ha detto...

clap clap.. una sfida al limite, complimenti!

nino ha detto...

non riesco nemmeno immaginare una maratona alle due del pomeriggio con 'sto caldo
complimenti

Semper Adamas ha detto...

il nuoto senza muta avrebbe messo in gravi difficoltà chiunque.. sei stato bravo a non lasciarti condizionare e a procedere nella tua spettacolare rimonta con tenacia. veramente una bella prova di coraggio! bravo!

andrea ferrara ha detto...

Bravissimo... correre con quelle temperature è veramente difficile sei cmq finisher per la seconda volta :-)

GIAN CARLO ha detto...

Conoscendo il tuo valore di resistenza ...vacillo all'idea che il prox anno potrei trovare lo stesso clima.

PS
2h 01 swim... Antò, o ci metto meno o affogo non ho chance :D

mjaVale ha detto...

Più le condizioni sono ostili e più emerge il valore di chi non rinuncia ma si mette in gioco lo stesso: tanta ammirazione!!!

Anonimo ha detto...

Complimenti, sei stato grandissimo!
Mimmo

margantonio ha detto...

un grazie di cuore a tutti voi. ho vacillato non poco il sabato e la notte...ho pensato anche di non partire ma poi ho realizzato che sei mesi di allenamenti intensi non potevano essere vanificati dalla paura di "affogare"

Sarah Burgarella ha detto...

Complimenti Marga!

MauroB2R ha detto...

non scherzo quando dico che sei uno dei miei esempi sportivi...insieme al vecchietto con il mignolo rotto che tanto mi fa dannare.

margantonio ha detto...

oh che piacere rivederti Sarah.

spero di essere di esempio solo per cose positive Mauro

Julia ha detto...

Bravo bravissimo, non c'è altro da dire. Rimontare poi 1400 posizioni non è da tutti, ci vuole testa e anima :-) Congratulations!

Julia

Andreadicorsa ha detto...

Grandissimo Antonio! Non molli mai di un millimetro, hai una tempra invidiabile!

Marco Angileri ha detto...

super!

margantonio ha detto...

Grazie Andrea, grazie Marco.

Julia, basterebbe essere un po' meno disastroso nel nuoto per poter fare meno fatica e risalire meno posizioni...e che mi facessero utilizzare la muta