Nessuno può sentirsi sicuro di vincere, al momento di partire. Non si può star certi nemmeno di arrivare fino in fondo. La maratona è l'unica gara che si può perdere anche correndo da soli.

Perle di saggezza

Se vuoi correre, corri un miglio. Se vuoi conoscere una nuova
vita, corri la Maratona!


Emil Zatopek (citazione segnalatami da Giovanni Chessa)

Me medesimo in numeri

213 MARATONE corse



PB 2:36'28'' 08.10.2000 GoldMarathon Cesano Boscone (MI)







un centinaio di MEZZE corse



PB 1:13'09'' 01.10.2000 Udine







cinque 6 ORE




PB 73,096 km (Buttrio 2014)







cinque 100 km (4 Passatore)



PB 8:51'28'' giugno 2005 in pista Fagagna (UD)



PB Passatore 9:09' 2004 Firenze-Faenza







una 12 ORE



PB 119,571 km
31-08-2014 Passons (UD)







3000



PB 9'39'' San Vito al Tagliamento (PN)







5000



PB 16'27''







10000



PB 35' 36''







3 VOLTE IRONMAN FINISHER






lunedì 12 ottobre 2009

Munchen: Questa maratona non s'ha da fare!

Or bene disse il bravo in tono solenne di comando, QUESTA MARATONA NON S'HA DA FARE. Don Rodrigo aveva deciso, i bravi avevano eseguito il comando e a Don Abbondio mestamente non rimaneva che subire. Il Don Abbondio in questione sono stato io, il luogo non quel ramo del lago di Como che volge a Mezzogiorno ma il laghetto all'interno dell'Olimpiastadion di Monaco. L'elemento scatenante non la mano di Lucia Mondella ma una foto con delle oche che si erano posizionate in cima ad una collinetta, 2500 anni fa le oche del Campidoglio salvarono Roma dall'assalto dei Galli, questa volta le oche dell'Olimpiapark mi hanno fregato come un "pollo".Ecco come si può perdere una maratona appena un quarto d'ora dopo essersi iscritti: una scivolata, la gamba che va per i fatti suoi, una fitta fortissima che colpisce come un fulmine e si scarica dal gluteo fino al polpaccio destro (lo stesso gluteo dei problemi di un mese fa).Quante volte ho detto ai miei amici che nelle ultime due settimane di una maratona non bisogna rischiare nulla, bisogna correre poco e fare attenzione alle stupidate ed invece ci sono caduto nella maniera più stupida e clamorosa.La fitta è stata così forte che ho subito realizzato che la mia Munchen Marathon finiva lì in Coubertin Platz, ironia della sorte proprio nel posto dedicato a colui che sosteneva che l'importante è partecipare. Tristezza, scoramento, sensazione di impotenza mi hanno preso ma contemporaneamente la consapevolezza che non potevo rovinare alle persone che mi erano accanto (moglie e figlia) la gioia di un breve weekend all'estero. Ho cercato quindi di godere in modo alternativo questa esperienza nuova, avrei gustato la Munchen Marathon osservando la gara degli altri, dei diversi amici venuti da Udine e di tutti gli oltre 6000 illustri conosciuti che sarebbero stati alla partenza. Nella serata di sabato un amico, Simone, maratoneta di grandi qualità podistiche e umane mi contatta e mi chiede se posso dargli il mio "inutile pettorale", decido di affidargli il mio 6043 certo che me lo avrebbe portato al traguardo con gran onore (non il chip naturalmente in quanto non dovevo essere classificato).L'appuntamento è alla consegna sacche sotto gli spalti dell'Olimpiastadion, vi giungo ben in anticipo, sento la gara, la stessa gara che un anno prima mi aveva visto protagonista accanto a Laura Ursella che avevo accompagnato nel suo esordio in Maratona e conclusa con uno splendido terzo posto assoluto.Consegno la mia sacca a Simone e trascorro qualche minuto con Sabrina e Marco amici milanesi di tante maratone.Incontro gli amici del Cus Udine e diversi altri, gli spalti verdi dello stadio offrono un quadretto niente male, le sensazioni dell'ingresso dalla curva maratona per percorrere i 300 m finali mi fanno venire i brividi; a ritroso rivivo la gara dello scorso anno e quella che quest'anno non correrò. I lunghi e larghissimi viali, i bellissimi km iniziali nel Parco Inglese.La Munchen Marathon è una maratona senza clamore, non ci sono campioni alla partenza, solo umani, amatori (qualcuno di alto livello) e "degustatori" di belle gare; numerosissimi gli italiani.I servizi in questa gara sono di altissimo livello, l'arrivo è da incorniciare, dopo il ritiro della sacca un piccolo sacrificio di qualche centinaio di metri e si può fare la doccia nella piscina olimpica di Monaco 72 e volendo anche una bella nuotata o un tuffo per chi ne avesse le forze.Vivo la "mia gara" in Marienplatz in un punto in cui si riesce a vedere il passaggio al 28° e al 31° km; non lesino incitamenti, per nome agli amici che riconosco, gridando ITALIA a chi ha addosso un simbolo che mi faccia riconoscere il tricolore, poi tanti GO, GO per tutti gli altri e mi esibisco anche in qualche "Suppa" (chissà mai come si scriverà in tedesco?).Quando passa Simone con il mio pettorale addosso lo incito, lui mi saluta, lo speaker va a guardare l'elenco e sancisce il transito di Antonio MARGHIOTTA di Udine, è una piccola pugnalata, anche Giulia (mia figlia) lo sente e scoppia in una fragorosa risata.Attendo gli amici del Cus che transitano uno alla volta, ognuno portando addosso i segni della fatica e della soddisfazione anche se ancora hanno da percorrere un lungo tratto.

Raccolgo i sorrisi di Gianpaolo, di Lucia, di Alessandra; la smorfia di Federico dalla quale capisco che è in crisi, il saluto di Renato Bisaro, di un amico di Buttrio, di uno di Montereale e di molti altri.La mia delusione si affievolisce, ho vissuto comunque questa maratona, in modo alternativo ma pienamente e potete stare certo mio Don Rodrigo il prossimo anno ci sarò alla partenza e se Don Abbondio non vorrà celebrare questo matrimonio mi rivolgerò a Fra Cristoforo. Note a margine ma non secondarie: il mio pettorale è giunto all'arrivo in 2.52' (sulla maglia di Simone), Gianpaolo Amaduzzi termina con il PB di 3.32'58'', Federico colpito da crampi chiude in 3.40', le due donne all'esordio concludono rispettivamente: Lucia in 3.47' e Alessandra in 4.04'. Paolo e Stefano in 3.46' e 3.47'.

7 commenti:

Yervs ha detto...

che sfiga, porca loca.....

Fatdaddy ha detto...

Ne hai strozzata almeno una, spennata e messa in forno col rosmarino?
'nnaggia che sfortuna! :(
Una pronta ripresa, Antò!

Simone ha detto...

Antonio, che ti devo dire, mi hai dato il pettorale, mi hai fatto le foto ... assistenza totale e io non ho nemmeno avuto il tempo di offrirti una birra .. quindi, spero proprio capiti presto, o firenze o reggio!

ps:onestamente un pettorale a nome Antonio Margiotta ha tendenza a finire sotto le 3 ore comunque, solo per il fatto di essere a tuo nome, io ho solo fatto da autista ;)

Anonimo ha detto...

Ciao Antonio, sono Mimmo da Portogruaro; la risposta al tuo quesito quando scrivi "mi esibisco anche in qualche "Suppa" (chissà mai come si scriverà in tedesco?)" è molto semplice: SUPER! che io tradurrei con la nostra esclamazione GRANDE! Approfitto per farti i complimenti per il blog che seguo con cadenza quotidiana, anche io sono un "malato" della corsa. Saluti.

margantonio ha detto...

@Mimmo da Portogruaro: se ci incontriamo qualche volta fatti riconoscere.
@ Simone: me ne ricorderò ben io della birra, non mi scappi e stai certo che ti vengo a trovare tanto o Monaco o Dublino offrono da bere in abbondanza e qualità.
@Fat: ho preferito lo stinco di maiale.

Anonimo ha detto...

Mi auguro di vederti a Venezia così vorrà dire che ti sarai ripreso dall'infortunio e potrò farti i complimenti per tutte le tue imprese e la passione che ci metti. Mimmo

armando ha detto...

ciao antonio! volevo ringraziarti per l'incitamento a marian platz! sono armando da udine, l'amico del podismo buttrio. grazie mille! ti mando un grosso in bocca al lupo per la ripresa alle corse! un salutone! a presto!