Nessuno può sentirsi sicuro di vincere, al momento di partire. Non si può star certi nemmeno di arrivare fino in fondo. La maratona è l'unica gara che si può perdere anche correndo da soli.

Perle di saggezza

Se vuoi correre, corri un miglio. Se vuoi conoscere una nuova
vita, corri la Maratona!


Emil Zatopek (citazione segnalatami da Giovanni Chessa)

Me medesimo in numeri

213 MARATONE corse



PB 2:36'28'' 08.10.2000 GoldMarathon Cesano Boscone (MI)







un centinaio di MEZZE corse



PB 1:13'09'' 01.10.2000 Udine







cinque 6 ORE




PB 73,096 km (Buttrio 2014)







cinque 100 km (4 Passatore)



PB 8:51'28'' giugno 2005 in pista Fagagna (UD)



PB Passatore 9:09' 2004 Firenze-Faenza







una 12 ORE



PB 119,571 km
31-08-2014 Passons (UD)







3000



PB 9'39'' San Vito al Tagliamento (PN)







5000



PB 16'27''







10000



PB 35' 36''







3 VOLTE IRONMAN FINISHER






lunedì 26 gennaio 2009

Maratona del Salento - news in breve

Prima della partenza avrei firmato ad occhi chiusi di concludere la Maratona del Salento sotto le 3 ore, anche solo di un secondo. La settimana trascorsa prevalentemente a letto con l'influenza (anche se in forma più o meno leggera) mi aveva fiaccato soprattutto nell'animo. Le condizioni meteo non lasciavano presagire nulla di buono: nuvolo e pioggia sabato pomeriggio e tutta la notte. Ed invece domenica mattina viene fuori un timido sole che ci fa compagnia per gran parte della gara, il clima è ottimale; la partenza in leggera discesa dona un po' di fiducia anche ai più timorosi e le gambe vanno. Seguo il mio proposito di impostare sul ritmo delle 3 ore, anzi vado decisamente più forte ma è la discesa che mi aiuta. Ben presto la mia gara assume le caratteristiche di "una traversata del deserto", corro sempre da solo, pubblico poco e poco caloroso. Quando verso il 35° km percepisco che l'obiettivo è raggiunto spremo tutte le energie che il mio corpo contiene e tiro fuori un
2:57.29''
che mi permette di mettere il mio 151° bollino nell'album delle maratone, 110° sotto le 3 ore. A dopo per i dettagli e alcune foto-chicca.

7 commenti:

antherun ha detto...

non c'erano dubbi Antonio...lo avresti fatto anche con 40 di febbre: ormai quel tempo lo hai nel dna :-)) dai aspettiamo qualche foto dellu salentu!!

Sarah Burgarella ha detto...

Grandissimo Margantonio! Stracomplimenti!

runners per caso ha detto...

bravo Antonio

mettero' il tuo pezzo sul blogbox su adrenalinechannel forum
ciaoooo

Mic ha detto...

Bravissimo, Antò. Ti faccio i miei complimenti più sinceri. Ma sai che io in fondo, un pò me l'aspettavo, che potessi farcela, nonostante tutto? Sono sempre + convinto che sei pane e maratona, tu. Io invece sai che nonostante una soglia di 3'20"/km sono naufragato nella mia maratona, non riuscendo a stare sotto le 3 ore? Alla luce della scottante esperienza provo ancora + ammirazione per i tuoi crono, specie in un occasione come questa in cui le condizioni erano difficili. L'unica cosa che mi pare opinabile è il tuo intento di puntare ai km e al numero di gare U3h, sacrificando inevitabilmente i tempi. Nonostante tutto, resti un mito. Bravissimo!

uscuru ha detto...

aoh!
quanno uno va....
io penso ke anke nel retrorunning, riesci a fare quel tempo.;)
me sa' ke a roma te devi sacrifica'...(capisci a me!)
sei grande anke col freno a mano tirato!!!

margantonio ha detto...

vi ringrazio della fiducia ma prima della partenza avevo dubbi sull'azzardo che stavo per fare.
per fortuna la mia ostinazione è stata premiata.

margantonio ha detto...

@ uscuru: io sono pronto e per me non sarà un sacrificio ma un piacere...ma se qualcuno comincia a "rompere" che il ritmo non è giusto lo mando subito aff...are un giro intorno ar Colosseo.