Nessuno può sentirsi sicuro di vincere, al momento di partire. Non si può star certi nemmeno di arrivare fino in fondo. La maratona è l'unica gara che si può perdere anche correndo da soli.

Perle di saggezza

Se vuoi correre, corri un miglio. Se vuoi conoscere una nuova
vita, corri la Maratona!


Emil Zatopek (citazione segnalatami da Giovanni Chessa)

Me medesimo in numeri

213 MARATONE corse



PB 2:36'28'' 08.10.2000 GoldMarathon Cesano Boscone (MI)







un centinaio di MEZZE corse



PB 1:13'09'' 01.10.2000 Udine







cinque 6 ORE




PB 73,096 km (Buttrio 2014)







cinque 100 km (4 Passatore)



PB 8:51'28'' giugno 2005 in pista Fagagna (UD)



PB Passatore 9:09' 2004 Firenze-Faenza







una 12 ORE



PB 119,571 km
31-08-2014 Passons (UD)







3000



PB 9'39'' San Vito al Tagliamento (PN)







5000



PB 16'27''







10000



PB 35' 36''







3 VOLTE IRONMAN FINISHER






domenica 31 agosto 2008

Skyrace delle Dolomiti friulane -prime news

Se dovessi cominciare dalla sensazione che più mi è rimasta di questa giornata la risposta sarebbe secca e perentoria: un fortissimo mal di schiena!!! Passerà, ma intanto ora sembro un vecchietto infermo che non riesce a piegarsi e a fare il minimo movimento. Dopo la maratona di domenica scorsa e l'intensa settimana di cammino a Dublino e Londra, l'abbondante scorta di birra, il viaggio in aereo e non bastasse l'allenamento di venerdì sera, quello che ci voleva oggi erano proprio 20 (o forse 22 km) di montagna con 1700 m di dislivello. In questo momento non sono abbastanza lucido per dare un giudizio complessivo sulla giornata ma solo due impressioni buttate lì.

  • Gara ben organizzata;
  • percorso decisamente impegnativo con salite e discese che mi sono sembrate troppo ripide per essere corse con le mie scarse capacità "di montanaro";
  • tempo impiegato 3:16'42'' (pensavo di metterci intorno alle 3 ore); se metto a confronto la mia prestazione con quelle di miei amici in una gara con le stesse caratteristiche sono andato decisamente male;
  • ho scassato la mia digitale.
Guardando ai lati positivi:
  • ho conosciuto una nuova sfida e acquisito un risultato che il prossimo anno potrò sfidare;
  • ho convinto il mio amico Gianpaolo a condividere con me quest'avventura;
  • ho passato una bella giornata;
  • ho fatto gli ultimi 3-4 km (gli unici nei quali ho potuto correre a ritmo forsennato recuperando un sacco di posizioni;
  • ho visto un ragazzino di 11-12 anni al massimo arrampicarsi come uno stambecco e soprattutto andare in discesa a velocità supersonica, ha impiegato solo 6 minuti più di me e penso di averglieli dati tutti nell'ultimo tratto pianeggiante (un talento di cui sono sicuro si sentirà parlare nei prossimi anni, il suo nome è Mattia Del Fabbro.

Le classifiche sono pubblicate sul sito oppure cliccando qui.

2 commenti:

david ha detto...

Ciao Antonio, mi hai superato alla fine, quando ti ho riconosciuto (dal tuo bandana) volevo farti lo sgambetto, poi sei stato fortunato e siamo arrivati alla fine!Brutta giornata (a parte qualche breve scorcio di sole in forcella) ma ben organizzata. Concordo. Il prossimo anno sotto le 3 ore!

Ciao David Pesce

P.S. Ti saluta il mio amico Antonio Ricci, quello con cui hai parlato durante la gara !

margantonio ha detto...

grazie per i saluti del mio omonimo Antonio con il quale ci siamo visti anche a pranzo, di te invece non ricordo... è stata molto dura per me, ma penso che il prossimo anno in condizioni migliori si possa fare tranquillamente sotto le 3 ore.
ciao