Nessuno può sentirsi sicuro di vincere, al momento di partire. Non si può star certi nemmeno di arrivare fino in fondo. La maratona è l'unica gara che si può perdere anche correndo da soli.

Perle di saggezza

Se vuoi correre, corri un miglio. Se vuoi conoscere una nuova
vita, corri la Maratona!


Emil Zatopek (citazione segnalatami da Giovanni Chessa)

Me medesimo in numeri

213 MARATONE corse



PB 2:36'28'' 08.10.2000 GoldMarathon Cesano Boscone (MI)







un centinaio di MEZZE corse



PB 1:13'09'' 01.10.2000 Udine







cinque 6 ORE




PB 73,096 km (Buttrio 2014)







cinque 100 km (4 Passatore)



PB 8:51'28'' giugno 2005 in pista Fagagna (UD)



PB Passatore 9:09' 2004 Firenze-Faenza







una 12 ORE



PB 119,571 km
31-08-2014 Passons (UD)







3000



PB 9'39'' San Vito al Tagliamento (PN)







5000



PB 16'27''







10000



PB 35' 36''







3 VOLTE IRONMAN FINISHER






lunedì 17 novembre 2014

Maratonina di Palmanova



Doveva essere una giornata dalle condizioni meteo pessime ed invece ti svegli e vedi il cielo sereno, il migliore incipit in prospettiva di correre una gara alle quali lega un grande affetto e che non hai mai tradito sin dalla prima edizione. Palmanova e la sua Mezza sono un appuntamento dell'autunno ormai irrinunciabile per me e per migliaia di podisti del triveneto come anche per tanti sloveni e austriaci.
3170 arrivati al traguardo (nuovo record) portano questa gara a posizionarsi anche quest'anno al 5° posto in Italia come numero di partecipanti tra le 21 K.
Il segreto di questo successo si riassume in poche note: servizi ottimi, percorso scorrevolissimo, tutti amatori al via e un pool di organizzatori e volontari che sono tutti podisti che conoscono le esigenze e sanno cosa serve.

La mia partecipazione odierna era in funzione di pace-maker dell'1:30, compito che ho svolto con grande entusismo insieme alla mia allieva Elena e ad altri due podisti (che in realtà ho visto pochissimo).
Ritmo scandito sin dal primo km a 4:15 al km, il gruppo è folto e silenzioso; scorre la strada sotto i nostri piedi, le tortuose strade della campagna palmarina non offrono panorami mozzafiato ma una volta tanto il pensiero può essere rivolto alla ricerca della prestazione cronometrica.
Ad ogni split trovo conferma sul ritmo e cerco di inquadrare Elena che mi è al fianco o più spesso alle spalle...è stato un mezzo azzardo, quasi una scommessa azzardata quella di assumersi insieme a me la responsabilità di prendere i palloncini per lei che a questo ritmo agguanterebbe il proprio PB.
Passaggio a metà gara in 45'02'' (netto 44'52'').
Scorrono i km e via via il gruppo si sgrana, anche Elena fatica a tenere e gradatamente si sfila ma la tengo d'occhio girandomi di tanto in tanto.
A 6 km dal traguardo inizia la vera gara, nella Mezza è il momento cruciale; inizio ad incitare gli amici che mi stanno attorno e a gran voce Elena che è qualche decina di metri indietro. Capisco che è impossibile fare gara parallela, l'opportunità di chiudere in 1:29 per lei è preclusa ma sono ottimista che possa chiudere il "compitino con profitto".
L'ingresso da Porta Cividale nella Città stellata è sempre una piccola emozione, quella piccola salitella e poi in fondo il traguardo, ambito premio per una fatica resa oggi piacevole da una giornata di sole splendido; il crono premia il mio sforzo di regolarità con 1:29:49 (44'47'' la seconda parte).
Transito e subito mi volgo a scorgere Elena che ha ancora qualche centinaio di metri da correre...sprinta e conclude in 1:30:24 migliorando il suo PB di altri 25 secondi rispetto a Udine.
Come premio uno splendido post gara fatto di risate in compagnia e tanta tanta birra...

1 commento:

Olivier Déchance ha detto...

Grazie a voi 2, siete stati bravissimi! Purtroppo ieri le mie povvere gambe da montagna mi hanno portato con voi solo 13 kilometri... prossima volta fino al traguardo!Olivier