Nessuno può sentirsi sicuro di vincere, al momento di partire. Non si può star certi nemmeno di arrivare fino in fondo. La maratona è l'unica gara che si può perdere anche correndo da soli.

Perle di saggezza

Se vuoi correre, corri un miglio. Se vuoi conoscere una nuova
vita, corri la Maratona!


Emil Zatopek (citazione segnalatami da Giovanni Chessa)

Me medesimo in numeri

213 MARATONE corse



PB 2:36'28'' 08.10.2000 GoldMarathon Cesano Boscone (MI)







un centinaio di MEZZE corse



PB 1:13'09'' 01.10.2000 Udine







cinque 6 ORE




PB 73,096 km (Buttrio 2014)







cinque 100 km (4 Passatore)



PB 8:51'28'' giugno 2005 in pista Fagagna (UD)



PB Passatore 9:09' 2004 Firenze-Faenza







una 12 ORE



PB 119,571 km
31-08-2014 Passons (UD)







3000



PB 9'39'' San Vito al Tagliamento (PN)







5000



PB 16'27''







10000



PB 35' 36''







3 VOLTE IRONMAN FINISHER






martedì 19 aprile 2011

Bici-nuoto-bici per 6 ore e 40 minuti

Mi devono bastare poche parole per render conto di questa giornata di ferie trascorsa come piace a me, svolgendo 3 sedute di allenamento per complessive 6 ore e 40 minuti.
Uscita in bici in mattinata, pensavo si dovesse trattare di una semplice passeggiata al mare ed invece complice una buona partenza dopo 5 km pestavo già sui pedali. Direzione Grado.
Il terreno perfettamente pianeggiante e l'asfalto fatto di recente mi hanno agevolato, i semafori lungo la strada erano quasi tutti verdi (o almeno così io li ho visti) e così sono arrivato in laguna alla stratosferica (per me) media di 32 km/h.
Il mare era stupendo e c'era veramente da buttarsi in acqua come facevano diversi bambini che vedevo in lontananza.
Viaggio di ritorno (dopo un breve allungo del tracciato per fare conto pari) con leggero vento a favore sullo stesso percorso con la media che è salita ancora. Alla fine 32,3 che non avevo MAI pedalato per 101 km.
Inutile dire che sono grandemente soddisfatto.
Appena due ore dopo salto in piscina per una sedute breve e sciolta che invece è diventata un bel 2000 m al mio solito ritmo.
Ancora una pausa di 40' e sono di nuovo in sella in compagnia di un gruppo di amici che mi propongono (ahimè) la salita di Subit. Non è certamente quello che mi aspettavo per un allenamento defatigante ma mi devo accodare.
Saliamo fino a quota 580 e nonostante tutto penso di aver corso questa salita a tempo di mio record.
In piano sulla via del ritorno facciamo un paio di tirate di quelle che non ti aspetti che mi lasciano molto soddisfatto.
Complessivamente 74 km che portano il totale giornaliero a 175 km

2 commenti:

Emiliano ha detto...

Mi dispiace non averti riconosciuto alla maratona di Padova,tanta gente e i miei orari stretti per il rientro non mi hanno fatto vivere il dopo gara come avrei voluto!Spero di incontrarti alle prossime gare,magari mi " rilasci" un po di energia.......fosse così semplice!!!!!!

stefanoSTRONG ha detto...

e io che pensavo di aver faticato nel mio primo combinato "lungo"
bravo davvero, soprattutto per il ritmo mantenuto nella prima bici!