Nessuno può sentirsi sicuro di vincere, al momento di partire. Non si può star certi nemmeno di arrivare fino in fondo. La maratona è l'unica gara che si può perdere anche correndo da soli.

Perle di saggezza

Se vuoi correre, corri un miglio. Se vuoi conoscere una nuova
vita, corri la Maratona!


Emil Zatopek (citazione segnalatami da Giovanni Chessa)

Me medesimo in numeri

213 MARATONE corse



PB 2:36'28'' 08.10.2000 GoldMarathon Cesano Boscone (MI)







un centinaio di MEZZE corse



PB 1:13'09'' 01.10.2000 Udine







cinque 6 ORE




PB 73,096 km (Buttrio 2014)







cinque 100 km (4 Passatore)



PB 8:51'28'' giugno 2005 in pista Fagagna (UD)



PB Passatore 9:09' 2004 Firenze-Faenza







una 12 ORE



PB 119,571 km
31-08-2014 Passons (UD)







3000



PB 9'39'' San Vito al Tagliamento (PN)







5000



PB 16'27''







10000



PB 35' 36''







3 VOLTE IRONMAN FINISHER






domenica 13 gennaio 2008

Cross lungo: che fatica nel fango!!!

Gran bella esperienza oggi al campionato regionale assoluto di cross; ovviamente io e tanti miei compagni di squadra abbiamo partecipato solo per dare una mano e portare qualche punto nella classifica per società perchè siamo praticamente tutti amatori nel vero senso della parola.I miei compagni del cross corto avevano qualche chance nella loro prova perchè sono i più forti della nostra squadra ed hanno anche ben figurato.

Noi impegnati nel cross lungo ci siamo difesi molto bene ma naturalmente la freschezza e la giovane età della maggior parte dei partecipanti hanno fatto la differenza. E' stata comunque una bellissima esperienza su un circuito di 1200 m da ripetersi 8 volte con un giro di lancio di 600 m, solo questi numeri danno l'idea di come si era ridotto il percorso dopo il passaggio di tantissimi concorrenti e dopo due intere giornate di pioggia.

Fango, fango e fango e poi per aumentare le difficoltà una salitella che ripetuta 8 volte diventava ardua e due tronchi da saltare ad ogni giro.

Più d'uno su quei tronchi ha fatto il volo compresa la vincitrice del cross corto Junior Isadora Castellani (nella foto seguita da Sonia Lopes).

Subito si sono delineate le posizioni e quindi mi sono ritrovato a lottare con un podista che nella parte più fangosa del circuito riuscivo a staccare mentre nella parte più agevole mi riprendeva e staccava, dopo metà gara abbiamo ripreso un altro in maglietta rossa e ho cominciato alottare con quest'altro ma a due giri dalla fine lui è scivolato e caduto ed io in quel momento ho dato l'affondo per staccarlo definitivamente e ci sono riuscito.Nella sostanza ho condotto una gara a ritmo quasi costante, senza cedimenti ma anche senza riuscire ad incrementare nel finale; ritmo finale medio di 3'51'' al km. Visto che mi ero prefisso l'idea di correre intorno ai 4' al km direi che è andata benissimo, sono anche riuscito ad arrivare primo tra tutti i compagni di squadra schierati nella gara del cross lungo appunto.

Durante questa fatica immane è stato senz'altro di grande aiuto il sostegno continuo ad ogni passaggio delle "cheerleaders" del Buja che dopo aver finito la loro gara si sono messe a tifare per noi coadiuvate anche da altri amici presenti della nostra società; un gran piacere anche rivedere dopo diversi anni Sonia Lopes che da quest'anno è tesserata in Friuli con la squadra di Brugnera.

E domenica prossima c'è un altro cross ma questa volta breve e con avversari più abbordabili.

3 commenti:

AME ha detto...

finalmente hai abbandonato la nicchia di windows live spaces per entrare nel vasto mondo dei blogger.Benvenuto!

margantonio ha detto...

l'ho fatto già da un po' per la verità: sei tu che arrivi in ritardo.
scherzo!!!
caspita che esperienza fangosa ieri.
ti saluto
antonio

AME ha detto...

sorry non lo sapevo chiedo scusa.....io combatto con gli acciacchi spero di riuscire a debellarli. ci vediamo a salso?